_____www.gigipeis.blogspot.com______

_____www.gigipeis.blogspot.com______

venerdì 24 maggio 2013

Giant's Causeway

Secondo una delle tante leggende celtiche, il "selciato" fu costruito da due innamorati giganti, lui irlandese, lei scozzese di Staffa, dove sono presenti colonne basaltiche analoghe che sarebbero quanto resta di quel sentiero d'amore.
La leggenda più conosciuta invece racconta che la strada fu costruita dal gigante irlandese Finn MacCool per raggiungere e sconfiggere il suo nemico scozzese Finn Gall che distrusse il selciato per timore della sconfitta, vedendo Finn Mac Cool nascosto dalla moglie sotto al letto e credendo a ciò che ella disse, ovvero che fosse il figlio del gigante che avrebbe dovuto affrontare.

giovedì 23 maggio 2013

Derry - Irlanda del Nord

Dopo colazione e un po' di relax nell'ostello di Donegal, andiamo a fare un giro nel Diamond, una piazza a forma di diamante tipica dei centri di origine vichinga che è il centro della cittadina e che abbiamo già visto ieri notte prima di infilarci nel pub a bere una Guinness ed ad ascoltare musica dal vivo "poco" irlandese. Entriamo in un negozio di strumenti musicali piccolo e suggestivo poi diamo un'occhiatina da fuori al castello, così come alla grande chiesa dall'altra parte della strada e facciamo due passi lungo il fiume. Poco dopo siamo nuovamente in macchina verso l'Irlanda del Nord e un'ora più tardi arriviamo a Derry. Parcheggiamo vicinissimo al "Free Derry Corner" e ammiriamo, un po' sconcertati per i fatti che raccontano, i murales del Bogside, per poi andare a prelevare sterline e a pranzare, dando solo un occhiata veloce alle mura della città fortificata e dirigerci verso la Giant's Causeway Route.

"Era una domenica, una maledetta domenica Quando spararono alla gente Le urla di tredici martiri Riempirono l’aria della libera Derry C’è qualcuno fra di voi Che ha il coraggio di dare la colpa ai ragazzi? Non c’era nemmeno un soldato sanguinante Quando chiusero i coperchi delle bare! Domenica maledetta domenica Una maledetta domenica era quel giorno!"











Così comincia una canzone di John Lennon, raccontando ciò che successe il 30 gennaio del 1972 quando il 1º Battaglione del Reggimento Paracadutisti dell'esercito britannico aprì il fuoco contro una folla di manifestanti per i diritti civili. Tredici persone, la maggior parte molto giovani, furono colpite a morte, mentre una quattordicesima morì quattro mesi dopo per le ferite riportate. Due manifestanti rimasero feriti in seguito all'investimento da parte di veicoli militari. Molti testimoni affermarono che i manifestanti colpiti erano disarmati. Cinque vittime furono colpite alle spalle. La prima conseguenza della strage fu che nei quartieri cattolici di Derry e di altre città nordirlandesi molte persone vollero unirsi all'IRA. Un'inchiesta governativa tenutasi in seguito al verificarsi dei fatti, prosciolse largamente l'autorità ed i soldati britannici da ogni colpa, ma fu da più parti criticato come un "insabbiamento". Solamente Il 15 giugno 2010 il primo ministro del Regno Unito David Cameron ha presentato le conclusioni del rapporto commissionato alcuni anni prima dal Governo britannico, che condanna senza alcuna giustificazione la condotta tenuta in quelle circostanze dall'esercito inglese.

mercoledì 22 maggio 2013

Sligo e Rosses Point


Il bello di viaggiare in macchina è che puoi andare dove vuoi e fermarti quando vuoi. Così decidiamo di passare a vedere Sligo, solo perché

ci attrae il nome. La parola "Sligo" deriva da una parola gaelica che significa "posto pieno di conchiglie". Il nome era proprio del fiume che passa in mezzo alla cittadina, oggi conosciuto come Garavogue, il quale era ricchissimo di conchiglie portate dalle correnti oceaniche nell'estuario della foce. Il nome fu esteso alla cittadina dopo che durante la costruzione degli edifici furono trovate conchiglie anche sulla terraferma. Pranziamo in città e facciamo un giretto in centro e sul lungofiume, ma non ci attira più di tanto, così prima di raggiungere Donegal per la notte, decidiamo di andare a visitare una località sull'oceano, poco distante da Sligo.
Si dice che Rosses Point fosse una volta patria di pirati e contrabbandieri. Parcheggiamo la macchina vicino al "famoso" campo da Golf e facciamo una passeggiata su un sentiero tracciato con vista sullo Sligo Channel. Alla fine del sentiero (che in realtà è l'inizio, siamo noi che lo abbiamo preso al contrario) si vede la statua di una donna con le braccia distese verso la baia chiamata "Waiting on shore" ed è una commemorazione per tutte le persone scomparse in mare. Una casa diroccata ricoperta di vegetazione, poco distante dalla strada ci invita ad entrare, poi scopriremo che, molto probabilmente, si chiama Elsinore Lodge e sembra abbia ospitato il poeta irlandese William Butler Yeats. Prima di andar verso Donegal ci fermiamo a bere una birra nel bellissimo Harry's Pub, un pub, un ristorante, ma sopprattutto un museo, pieno zeppo di cianfrusaglie e foto marinaresche, veramente uno spettacolo, con il proprietario che ci racconta aneddoti e provenienza di alcuni pezzi, il pub appartiene alla sua famiglia ormai da cinque generazioni ed all'interno, sotto una lastra di vetro che fa da tavolino c'è perfino un pozzo.

mercoledì 15 maggio 2013

Cartolina da Stonehenge

Stonehenge
England
150513

La leggenda vuole che sia stato il Mago Merlino, con le sue arti magiche, l'artefice del suggestivo monumento megalitico costituito da gigantesche pietre dal peso di più di 50 tonnellate che ne fanno uno dei misteri più appassionanti dell'archeologia.

venerdì 10 maggio 2013

On the road

Finalmente in Olanda...Dopo tante ore di macchina, il pranzo sul lago di Lugano, infiniti tunnel per attraversare la Svizzera, una notte e una mattinata nella bella Friburgo, una sera e una ronfata a Colonia, verso l'una siamo arrivati curiosamente a Delft, due birre in un bar nella piazza principale e poi verso Amsterdam a dormire in una piccolissima cabina di una bellissima Barca-Hotel.


gigipeis

free counters